top of page

STEP 8 ๐‘ฌ๐’—๐’†๐’“๐’š ๐‘ซ๐’‚๐’š ๐‘ณ๐’Š๐’‡๐’†: ๐’๐’‚ ๐’Ž๐’Š๐’‚ ๐’๐’Š๐’ƒ๐’†๐’“๐’‚ ๐’‘๐’‚๐’“๐’•๐’Š๐’•๐’‚ ๐‘ฐ๐’—๐’‚ โœจโœจ๐ŸŒน



Come ho deciso di impostare le mie collaborazioni.


Organizzazione, tempistiche chiare, trasparenza: queste le parole che ruotano attorno allโ€™organizzazione del mio lavoro, dalla prima call conoscitiva allโ€™avvio di una collaborazione e oltre, quando ci si sceglie per un progetto insieme.


La scelta di delegare una o piรน parti della propria attivitร  รจ delicata: si investe molto tempo, dedizione ed energie, e ogni singola particella di noi stessi riempie di se il proprio progetto. Ne siamo gelosi, ne siamo cosรฌ coinvolti da aver bisogno di fidarci, profondamente, di una o piรน persone a supporto di quello che consideriamo qualcosa di nostro.


Non รจ per forza sempre presunzione di essere i migliori, a volte cโ€™รจ paura di non essere in grado di gestire altre persone, cโ€™รจ paura di perdere il controllo, cโ€™รจ mancanza di fiducia, cโ€™รจ paura di investire tempo e risorse in persone non totalmente in linea con noi.


Serve tempo, allenamento, condivisione e collaborazione. E serve metodo e ancora โ€ฆ organizzazione.


Ecco il mio modo di lavorare.


Quali sono i tuoi punti fermi nellโ€™impostazione del tuo lavoro?


๐‘ฝ๐’‚๐’Š ๐’„๐’๐’ ๐’๐’ ๐’”๐’•๐’†๐’‘ 8

๐Ÿ‘‡๐Ÿป๐Ÿ‘‡๐Ÿป๐Ÿ‘‡๐Ÿป๐Ÿ‘‡๐Ÿป๐Ÿ‘‡๐Ÿป๐Ÿ‘‡๐Ÿป๐Ÿ‘‡๐Ÿป๐Ÿ‘‡๐Ÿป๐Ÿ‘‡๐Ÿป




9 visualizzazioni0 commenti
bottom of page